Cronache di ordinarie giornate di pesca

mercoledì 13 aprile 2011

Le belle soddisfazioni del RockFishing

Nuova uscita in scogliera, ma stavolta vario un po' la tecnica e miro ad altre prede.

Arrivo nello spot di prima mattina, come per ogni pescata completa che si rispetti, e dopo aver montato l'attrezzatura parto con la prima fase della giornata, quella che in genere fa capire come sarà l'andazzo della pescata: la ricerca dell'esca viva.
E parte male. Niente menole, niente occhiate e nessuna grossa boga, solo robetta piccola, troppo piccola per i terminali ed i grossi ami che avevo preparato. Le uniche catture sono boghette e castagnoline sui 10cm. Ce ne sono davvero tante in giro ma solo loro. Mi tocca quindi accontentarmi, ne faccio un po' e le tengo vive in una pozza, poi passo ad alleggerire i teminali: dallo 0,70 scendo allo 0,50 e per gli ami dal doppio 5/0 che avevo preparato passo a dei simil owner SSW dell'uno, di cui uno scorrevole che andrà a chiudere la bocca e l'altro fisso da mettere sotto pelle all'altezza del foro anale. Ami davvero piccoli che generalmente non userei mai per questa pesca, ma se non voglio appesantire e stressare troppo le piccole esche vive non ho altra scelta.

Fatto il vivo posso finalmente iniziare l'azione di pesca vera e propria. Mi trovo su un fondale di circa 20metri e per calare sul fondo l'esca scelgo di utilizzare la teleferica, in modo da non far soffrire ai pesciolini esca il forte stress provocato dal lancio, dall'impatto con l'acqua e dalla discesa verso il fondo.

Una volta in pesca inizia la lunga attesa, cosa a cui purtroppo sono abituato. Dopo alcune ore con le canne in acqua, senza ancora nessun segnale di vita da parte dei predatori, si alza un po' di vento da Sud, che smuove il mare che fino a quel momento era piatto come un laghetto. Lo prendo come un buon segnale e continuo fiducioso l'attesa.
Passano ancora ore e nel frattempo il vento si è rafforzato ancora e le onde sono arrivate ad essere alte circa un metro, tutto quel movimento d'acqua qualcosa deve pur far accostare qualcosa.



La mattina è ormai passata, sono quasi le 14:00 ed inizio a demordere, ma proprio mentre valuto se chiudere o attendere ancora, un assordante rumore metallico mi riattiva i sensi... è la frizione del Penn 950! Parte una bellissima sfrizionata, lunga e violenta, che cerco di contrastare con una forte ferrata.

La fuga continua, stringo un po' la frizione, per paura che si intani, ma il pesce non vuole sentire ragioni e non accenna a fermarsi. A causa dei piccoli ami non posso forzare quindi non mi resta che sperare che non trovi qualche zona dove spaccare il terminale. Dopo che si è sfogato, finalmente inizia a cedere e tocca a me prendere filo. Riesco a portarlo fino alla superficie senza problemi, poi mi ritrovo a combattere con le onde e la forte corrente che mi impediscono di tenere il pesce sotto di me fermo per raffiarlo. Ma con un po' di pazienza alla fine va a buon fine anche la raffiata e il pesce viene portato al sicuro a terra. E' un bellissimo Dentice !


E' rimasto ferrato con l'amo scorrevole, fortunatamente l'allamata era quasi perfetta e l'amo anche se piccolo in quel modo si sarebbe aperto solo sotto sollecitazioni molto forti.

Decisamente stanco dalla mattinata ma più che altro appagato dalla cattura, chiudo qui la giornata di pesca.

13 commenti:

  1. mi fai sempre più paura!!!
    bellissima cattura!!!!

    RispondiElimina
  2. Allucinante 3 Kg di dentice..
    Sei un grande!!

    Direi attesa ripagata benissimo!

    RispondiElimina
  3. @fede Sono cosi brutto ? :-P

    RispondiElimina
  4. oddio...a dire il vero con certe catture vicino un pò sfiguri!!!

    Ancora complimenti, anche per i report e le foto!

    RispondiElimina
  5. Fantastico
    complimenti, il rock fishing con il vivo mi ha sempre incuriosito!

    RispondiElimina
  6. Si ma è ufficiale: Daniele ora ha esaurito tutti i bonus pesce...

    RispondiElimina
  7. Secondo me gli manca la leccia da sverginare sul nuovo stradic.. che quella che gli si slamò secondo me un l'ha digerita..

    RispondiElimina
  8. Ciao Capt, non ti facevo interessato anche a tecniche che non comprendono esche artificiali :-D! E' un bel giochino pure il RF sia con il vivo che con il morto ;)

    @Andrea mi è arrivato oggi lo Stradic.. ora sono dolori. O forse no ? :-P

    RispondiElimina
  9. Che bel pesce Daniele, se non documentassi le tur pescate con questi report, pochi crederebbero alle tue storie. Sono rimasto di nuovo a bocca aperta. Complimenti !!!

    RispondiElimina
  10. Daniele fai appena schifo eh... stramega complimenti! che pesce il dentex!
    Nonno, tocca fondere il piombo...

    RispondiElimina
  11. Dentice spettacolare ... complimenti per la cattura e la bella scogliera.

    Si fa a cambiare spigola dentice mare? ... he, he, heee, hee ....

    Cordiali saluti, Juan

    RispondiElimina
  12. Complimenti, davvero un bel blog e ottimi report! un saluto
    AV

    RispondiElimina
  13. Hola Juan ! 3 lubinas = 1 dentice ok ?? eheh

    -----

    Ciao kahuna, mi fa molto piacere leggere il tuo nick da queste parti :D

    RispondiElimina

Lascia un commento